Il ballo del Can Can: origini, storia e curiosità

| |

Il cancan è noto per il suo tipico mostrare le gambe da parte delle ballerine, che ha causato molte polemiche quando è apparso per la prima volta. Tuttavia, questa danza che offendeva i valori vittoriani annunciava l’arrivo di una nuova era nella società francese. Ma quali sono le sue origini e come nasce la sua diffusione su scala mondiale? Proviamo a scoprirlo insieme.

Il can can apparve per la prima volta a Parigi negli anni ’30 del 1800

Le origini del can can sono difficili da definire con certezza dunque gli studiosi hanno proceduto analizzandone il termine e incasellandolo in quello che poteva essere il periodo in cui potesse essere in voga. “Cancan” nel gergo francese all’inizio del XIX secolo significava pettegolezzi o scandali maliziosi. A quel tempo, la gente adorava andare a ballare e l’ultimo ballo della notte era di solito di coppia, la nota quadriglia. Così si è dato per scontato che il cancan sia nato da quest’ultima danza, con calci più alti e più energia.

La differenza fra il ballo originario e la sua evoluzione sta nel fatto che le donne indossavano mutande senza cavallo sotto le gonne arruffate, rendendo i calci incredibilmente rivelatori. Il cancan ha ottenuto così la sua reputazione per essere salace e scandaloso.

Il cancan è nato come una critica sociale sul tempo

Il cancan era un modo di denunciare e combattere contro severi valori vittoriani, in particolare per le donne. In un momento in cui esse non dovevano mostrare le caviglie, sollevare le gambe in aria non avrebbe potuto essere più irriverente per le donne in quel momento; era ritenuto “non rispettabile” che le persone fossero in così stretto contatto. La danza ha sfidato le convenzioni politiche ed è stata una richiesta di cambiamento.

Il ballo del can can e la sua diffusione

Alla fine del XIX secolo, la Francia stava vivendo la sua Belle Epoque – il periodo in cui il paese ha attraversato progressi in ​​quasi tutti i settori della società, come l’architettura, la scienza e la cultura. In questo momento, il paese non stava combattendo alcuna guerra (l’ultima fu la guerra franco prussiana del 1871) e le energie del popolo si concentravano intorno all’evoluzione tecnologica e artistica, fino allo scoppio della prima guerra mondiale.

Fu un periodo di grande ottimismo. Fu durante questo periodo che il cancan venne commercializzato. Nel 1850, Celeste Mogador, che organizzò spettacoli da ballo, abbracciò il cancan come disciplina e le sale da ballo si aprirono in tutta la città. Nel 1889, Charles Zidler e Joseph Oller fondarono il Moulin Rouge e la sua reputazione internazionale fu sigillata.

Curiosità: il can-can fece la reputazione di Toulouse Lautrec

Il pittore francese ToulouseLautrec era un aspirante artista nel 1891 quando dipinse un poster che avrebbe proclamato la sua fama nei secoli e sarebbe diventato forse uno dei pezzi più iconici di opere d’arte francesi.

Lautrec che per espiare una condizione dolorosa si era rifugiato nelle sale da ballo del tempo, aiutò la fama di queste dipingendo una pubblicità per il Moulin Rouge che venne sin da subito considerata scandalosa. La donna al centro del poster è Louise Webber (aka La Goulue), la ballerina di cancan più famosa e più pagata a Parigi in quel momento. Così abile, si diceva, che avrebbe potuto calciare un cappello dalla testa di un uomo con i suoi salti di coscia. Ma il suo compagno di ballo ha le mani che indicano i suoi genitali e il suo inguine, e ciò è stato considerato davvero scandaloso.

ballo del can can

La Goulue storia e fama della ballerina di can-can francese più conosciuta nei secoli

A definire il suo tratto più iconico è Yvette Guilbert, famosa cantante e attrice caféconcert, che ha svolto il suo apprendistato sul palco del famoso Moulin Rouge dove La Goulue si esibiva, e la descrive così:

“La Goulue con calze di seta nera, con il piede di raso nero in mano, fece roteare i sessanta metri di pizzo nelle sottogonne e mostrava i suoi buffi pantaloni ricamati con un cuore allungato, burlone, sul suo piccolo posteriore. Quando si inchinò in saluti irrispettosi, ciuffi di nastro rosa sulle sue ginocchia, un’adorabile massa di pizzo scese sulle belle caviglie, rivelando e poi facendo scomparire le sue adorabili gambe, agili, spiritose, civettuole.

La ballerina arruffò il suo cavaliere con un calcio chic nel cappello e fece le spaccature, il busto dritto, la vita sottile nella sua camicetta di raso blu cielo e la gonna di raso nero, tagliata a forma di ombrello, che copre i suoi cinque metri di larghezza. Ed è stato magnifico! La Goulue era carina e spiritosa, interrogativa da guardare, bionda, la frangia di capelli tagliati sulla fronte che arrivava chiaramente alle sopracciglia.

Lo chignon con l’elmetto nella parte superiore della testa, iniziò in uno stoppino contorto sulla nuca per non cadere durante le danze. Dalle sue tempie, la classica rouflaquette scendeva con l’effetto crespo sulle orecchie, e da Parigi a New York, passando per i negozi di Whitechapel di Londra, tutte le ragazze del tempo desideravano questa stessa acconciatura e lo stesso nastro di colore legato al collo”.

Previous

Il quartiere di Montmartre – Cosa vedere e cosa fare?

La metropolitana di Parigi, mappa linee, orari e biglietti

Next

Lascia un commento